Il tecnico dell'Avellino, Piero Braglia, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della gara contro la Ternana, in programma il sabato Santo alle 15.00. Una partita che può decidere le sorti del campionato, con gli umbri in procinto di festeggiare la promozione in Serie B. 
Queste le parole di Braglia: "Partita strana? Non saprei cosa significa. Affrontiamo una squadra che ha battuto ogni record, che continueranno a battere ogni record, quindi c'è da fare solo i complimenti. Hanno gestito il gruppo alla grande, Cristiano Lucarelli ha fatto un lavoro strepitoso e bisogna solo saper fare  complimenti. Non è mai facile primeggiare con tutti questi punti di vantaggio sulle seconde e quindi c'è poco da dire. Non hanno neanche mai preso il Covid a simbolo del lavoro e dell'attenzione fatta". 
Sull'Avellino: "A me sarebbe piaciuto affrontarli al completo, così all'andata e così ora. All'andata abbiamo fatto una grande gara, ci ha dato fiducia, purtroppo abbiamo preso quel gol al 90' ma quella partita ci diede tante risposte positive". 
Sui positivi: "Al momento non so nulla, gli verrà fatto un controllo poi vedremo, ma difficile vederli a Terni. Sui diffidati da preservare non è giusto parlarne. Stiamo facendo fatica a preparare la partita con gli uomini che abbiamo quindi non mi metto a pensare ai diffidati in vista del Bari". 
Firmare per un pareggio?: "Onestamente? Si. Io sono una persona molto umile e sincera e andiamo in casa della più forte e quindi un pareggio me lo terrei stretto. Poi è chiaro che la partita va giocata, ma a priori un pareggio me lo prenderei. La forza della Ternana è venuta fuori in tutte le componenti, non solo a livello calcistico. Hanno ruotato sempre i giocatori, sono sempre stati compatti, hanno un grande gruppo, coeso, con grandi qualità, ai quali si aggiungono alcuni giocatori che con questa categoria non c'entrano nulla". 
Sugli attaccanti: "Su Maniero posso dire che non c'entro io per il suo arrivo ad Avellino. Sono contento che si sia inserito alla grande in questo gruppo, inoltre insieme a Ciancio ed altri fa il capobanda, gli piace molto scherzare e ridere. Con lui non posso usare solo la carota e quindi ogni tanto qualche bastonata gli serve, perchè senò si rilassa. Su Santaniello dico che si sacrifica alla grande, Fella è un tipo un pò particolare, un ragazzo buono, generoso, che non ha mai fatto una polemica e l'anno scorso non ha mai fatto una polemica". 
Slittamento del campionato: "Cambia poco per ora, ma ci sta, visto che ci sono tante squadre che devono recuperare. E' giusto che il campionato finisca regolarmente". 
Duello alla Ternana stoppato dal Covid: "Con i se e con i ma non si fa nulla. Noi siamo una squadra costruita bene per fare un campionato di Serie C. Purtroppo abbiamo avuto una serie di problemi. Siamo una squadra tosta, dura a morire, compatta. Che era quello che volevamo noi all'inizio. Ternana sazia? Spero di si, ma credo che non bisogna aspettarsi una Ternana appagata". 
Bolla nei playoff? "Non si risolve nulla con la bolla. Ci devono vaccinare tutti, basta chiacchiere. Bisogna vivere, non si può avere paura di stringere una mano alle persone. Bisogna andare avanti. E serve il vaccino per tornare a vivere". 
Sul caldo: "Influisce certamente, anche se ti fanno giocare i playoff alle 3, alle 4, sotto il sole". 
Polemiche sugli arbitri: "Al di là del fatto che l'arbitro di domenica non ha arbitrato male, però il fatto che ora iniziano a dire tutti che ci danno un sacco di rigori, vuol dire che in aria quindi entriamo. Non vedo tutti questi regali a noi, ci siamo guadagnato tutto sul campo: Poi degli altri non mi piace parlare, perchè poi si scatenano solo polemiche". 
Su Rizzo: "E' cresciuto ma è ancora da stabilire dove può rendere bene Agostino. Ha ottime caratteristiche, è un ragazzo del '99, inizia a conoscersi ora quello che può fare. Io l'ho sempre fatto entrare, ora sta sfruttando bene le opportunità". 
Ternana e Bari: "Sono partite da playoff, sono gate che ti determinano una stagione. Bisogna prepararsi bene e vedere cosa succede. Noi abbiamo tutte le intenzioni di tenerci quello che abbiamo conquistato". 

Sezione: Copertina / Data: Gio 01 aprile 2021 alle 11:25
Autore: Marco Costanza
Vedi letture
Print