copertina

Braglia conferma: “Non ho messo le mani al collo di Accardi. Pensiamo al campo”

Braglia conferma: “Non ho messo le mani al collo di Accardi. Pensiamo al campo”

Avevamo chiarito ieri (con questo articolo), come la vicenda della mano alla gola di mister Braglia ad un avversario, fosse stata gonfiata dai media siciliani.  Quest'oggi, in merito ad alcune notizie apparse principalmente su testate...

Marco Costanza

Avevamo chiarito ieri (con questo articolo), come la vicenda della mano alla gola di mister Braglia ad un avversario, fosse stata gonfiata dai media siciliani. 

Quest'oggi, in merito ad alcune notizie apparse principalmente su testate online, le quali raccontavano di un presunto atteggiamento violento o antisportivo del tecnico biancoverde Piero Braglia il mister ha tenuto a precisare quanto segue.

Ho letto di tutto in questi giorni. E’ doveroso raccontare come sono andate le cose realmente e chiudere definitivamente una vicenda davvero incresciosa. Premetto che Jeremie Broh è stato un mio calciatore a Cosenza. Lo conosco bene e con lui ho un ottimo rapporto. A fine gara, dopo aver perso all’ottantottesimo minuto su calcio di rigore, non ho pensato a salutare gli avversari ma a tirar dritto negli spogliatoi. Il parapiglia che si è creato dopo non mi ha visto protagonista ed è palese, basta analizzare oggettivamente foto e video, che non ho mai messo le mani al collo di Accardi ma ho solo cercato di togliere il braccio di Baraye che, a sua volta, è corso lì per difendere il sottoscritto. Sono nel mondo del calcio da ben 52 anni. Da circa 30 faccio l’allenatore. Non ho mai aggredito un calciatore avversario e non inizio ora. Detto questo, pensiamo a domani !”.