Il presidente dell'Avellino, Angelo Antonio D'Agostino, è stato ospite della trasmissione di Contatto Sport su Prima Tivvù, dove ha parlato di tanti temi, il momento spettacolare dell'Avellino con 10 risultati utili di fila, lo stadio nuovo e la mancanza dei tifosi. 

Queste le sue parole: "Stiamo bene in alto, ci si sente soddisfatti per il lavoro svolto. Finalmente stiamo facendo quello auspicato e che avevamo costruito e che purtroppo nel girone di andata il Covid e qualche infortunio ci hanno impedito di fare. Purtroppo c'è la Ternana che sta viaggiando a gonfie vele davanti, bisogna solo fargli i complimenti. Ma non ci fermiamo e vogliamo continuare a far bene. Con questi punti, 50, negli altri gironi saremmo a -2 e -1 dalla vetta? fa capire che il percorso fatto è ottimo, la Ternana sta facendo qualcosa di unico. Siamo in un girone molto complicato, con tante squadre forti e ben quadrate, che lottano da anni per il salto di categoria. Noi abbiamo allestito la squadra in poche settimane in estate e quindi era tutta una scommessa". 
Il voto: "Un 10 e lode parziale meritatissimo, speriamo di portarlo fino alla fine. Braglia?Sono colpito dal temperamento di Braglia appena l'ho conosciuto, è una persona molto rigida, ma con il cuore molto grande e sta lavorando bene. Ho voluto questa accoppiata a tutti i costi con Di Somma, che conoscevo di più ma ho voluto fortemente questa coppia, che aveva già vinto in passato e per ora le scelte fatte ci stanno dando ragione". 
Sulla pausa: "Ieri dopo Caserta ho parlato ai ragazzi e ho detto loro che in questo momento la pausa non va bene, perchè quando si interrompe un qualcosa di importante poi non si sa come si può ripartire, quindi in questo momento la pausa non ci voleva. Però va così e sono contento ad oggi di quanto fatto, siamo una squadra composta da un gruppo di grandi uomini prima e poi calciatori e devo dire che ad oggi sono molto felice di quello che abbiamo costruito". 
 Gli obiettivi stagionali: “Dobbiamo stare con i piedi per terra, siamo felicissimi, perché abbiamo avuto questa fase positiva che ci aspettavamo e bisogna cercare di portarla il più avanti possibile. Ogni partita è a se e bisogna andare avanti così. Ad aprile poi tireremo le somme su quello che si sarà fatto".
Sullo stadio: “Ormai la notizia è trapelata. Per lo stadio nuovo il progetto è quasi pronto. Il progetto lo dovremmo presentare a breve, fra qualche settimana, al comune e poi faremo una conferenza stampa dove illustreremo il tutto. Una volta presentata l’idea, molto dipende da quelle che sono i titoli autorizzativi. Questo è un tempo indefinito che non saprei calcolare. Abbiamo messo in agenda che in un anno e mezzo o due dovremmo farlo. Il progetto c'è e siamo orgogliosi di portarlo avanti”. 

Sui tifosi: “Con il campionato che stiamo facendo nell’ultimo periodo sarebbe stato un qualcosa di spettacolare avere i tifosi allo stadio, penso che saremmo stati accolti da un abbraccio calorosissimo. Questa cosa a noi ci sta penalizzando davvero tanto, purtroppo da quando mi sono insediato non ho mai potuto vedere il calore della gente. Avellino è una città dove ci tengono e seguono la squadra. Io immagino la curva sud con una partita come quella col Foggia che cosa sarebbe stata, abbiamo visto il sostegno prima della partita ed è stato stupendo, immagino cosa potrà essere durante una partita. Si fanno tanti sacrifici e tanti sforzi, e poi è bello vedere che la gente si diverte. A noi da tanta carica rivedere quelle immagini e ci fa venire la pelle d'oca. Il mio sogno? Disputare i playoff con i tifosi allo stadio". 

Sezione: Copertina / Data: Lun 22 febbraio 2021 alle 23:33
Autore: Marco Costanza
Vedi letture
Print