Esordio in campionato per l'Avellino, che deve riscattare la sconfitta incassata sul campo del Renate nel primo turno di Coppa Italia. Un risultato condizionato da un impatto al match poco positivo, come dichiarato da Braglia, e da un arbitraggio discutibile, aggiungiamo noi, che ha interrotto immediatamente l'esperienza dei lupi nella manifestazione tricolore. Oggi inizia il campionato, messo a rischio dallo sciopero proclamato dall'Aic per le famose liste bloccate a 22 calciatori, ora allargate a 24 più un 2001. 

Si gioca: l'ultima volta era l'8 marzo, l'Avellino di Capuano battè 2-0 la Ternana e si prese il decimo posto fondamentale, alla luce dello stop per il Covid-19, per accedere ai playoff, disputati e persi il primo luglio sempre contro gli umbri, favoriti dallo 0-0 dovuto alla migliore posizione in classifica. 

Ora tocca a Braglia cercare di riportare l'Avellino dov'era fino a due anni fa, consapevole sia del blasone del club irpino, ma anche delle difficoltà che la squadra incontrerà in un girone che più di Lega Pro, pare essere di Serie B. 

L'Avellino arriva al confronto con la neo-promossa Turris, che mancava in Serie C da quasi vent'anni, con un organico rinfoltito dagli innesti di Nikolic, Tito e D'Angelo ufficializzati ieri, ma con un vuoto sulla corsia destra generato dalla squalifica di Ciancio, che deve scontare un turno di stop per una sanzione del campionato scorso, e dal mancato tesseramento dell'under Rizzo, rientrato al Livorno. 

In difesa la dirigenza biancoverde si è cautelata con Silvestri, che sarà disponibile alla seconda giornata perché salterà l'esordio a causa di una squalifica. Dietro mancherà Laezza, quindi Braglia confermerà Dossena, Miceli e Rocchi davanti a Forte, il migliore in campo contro il Renate. 

A centrocampo Adamo e Tito sulle corsie esterne, con l'alternativa Burgio al posto dell'ex Vibonese, mentre Aloi sta meglio e dovrebbe partire titolare assieme a De Francesco e Silvestri, che ha avuto modo di riposare più dei compagni in campo a Meda, vista l'espulsione rimediata per doppia ammonizione. In avanti toccherà sicuramente a Santaniello, apparso pimpante contro il Renate, con lui Maniero, pungolato da Braglia in conferenza stampa: l'atteccante, a dire del tecnico, deve calarsi nella mentalità della Serie C. 

Probabili formazioni:

AVELLINO (3-5-2): Forte; Dossena, Miceli, Rocchi; Adamo, Aloi, De Francesco, Silvestri, Tito; Maniero, Santaniello. A disp.: Pane, Pizzella, Nikolic, Burgio, Bruzzo, D’Angelo, Bernardotto. All.: Braglia.

TURRIS (4-3-3): Abagnale; Esempio, Di Nunzio, Rainone, D'Ignazio; Fabiano, Signorelli, Franco; Giannone, Persano, Pandolfi. A disp.: Lonoce, Lorenzini, Loreto, Romano, Brandi, Sandomenico, Da Dalt. All.: Fabiano.

Sezione: Copertina / Data: Dom 27 settembre 2020 alle 09:17
Autore: redazione TuttoAvellino / Twitter: @tuttoavellinoit
Vedi letture
Print