L'Avellino scappa, la Paganese risponde: 2-2 al Torre, buone indicazioni per Ignoffo

14.08.2019 20:12 di redazione TuttoAvellino Twitter:    Vedi letture
L'Avellino scappa, la Paganese risponde: 2-2 al Torre, buone indicazioni per Ignoffo

Paganese-Avellino 2-2

PAGANESE (3-5-2): Campani (1' st Baiocco); Mattia, Sbampato, Schiavino (15' st Scarpa); Carotenuto, Gaeta (15' st Lidin), Capece, Bonavolontà, Perri; Alberti (28' st Dammacco), Diop (41' st Guadagni). A disp.: Scevola, Pelliccia, Cavucci. All.: Erra.

AVELLINO (3-5-2): Tonti; Zullo (19’ st Njie), Morero, Laezza; Petrucci (14’ st Celjak), Palmisano (37’ st Silvestri), Di Paolantonio, Rossetti, Parisi (15’ st Micovschi); Alfageme, Albadoro (37’ st Carbonelli). A disp.: Pizzella, Falco, Saporito, Corcione. All.: Ignoffo.

ARBITRO: Acanfora di Castellammare di Stabia.

Guardalinee: Piedipalumbo-Nasti.

MARCATORI: 5' pt Alfageme (A), 41' pt Diop (P, rig.), 18' st Celjak (A), 24' st Mattia (P). 

NOTE: spettatori 1000 circa, 400 da Avellino. Ammoniti: Sbampato (P), Alfageme (A), Celjak (A). Angoli: 4-4. Rec.: pt 0', st 4'. 

L’Avellino è uscito indenne dal Marcello Torre di Pagani, impattando 2-2 contro la Paganese che, per due volte, si è ritrovato sotto di un gol. Merito di un Avellino, che è ancora un cantiere aperto, ma sembra già essere sul pezzo e a tratti convincente.

Biancoverdi letali alla prima occasione utile. Al 5’, lancio lungo dalle retrovie di Zullo, Mattia cicca l’intervento e Alfageme si è fatto subito perdonare qualche battuta a vuoto della passata stagione, freddando il portiere della Paganese. Dopo il vantaggio l’Avellino ha controllato agevolmente l’avversario, troppo arruffone nella manovra e praticamente sterile dalle parti di Tonti, che è dovuto intervenire soltanto su un colpo di testa a campanile di Diop, al 18’.

Al 23’, pericoloso l’attaccante degli azzurrostellati che, servito in corridoio, ha eluso l’intervento di Morero e in scivolata ha impegnato Tonti, abile in uscita a chiudergli lo specchio della porta e a far carambolare il pallone sul corpo di Diop. Decisamente migliore la manovra offensiva dell’Avellino, che ci ha provato dalla distanza con Di Paolantonio (destro alle stelle) e Rossetti (gran sinistro a fil di traversa). Tutto sotto controllo, fino al mezzo errore commesso da Parisi che, saltato da Carotenuto lo ha atterrato da tergo sulla linea verticale dell’area di rigore. Leggera esitazione di Acanfora, che ha poi indicato il dischetto tra le proteste dell’Avellino. Dagli undici metri Diop ha spiazzato Tonti (41’).

Paganese sprecona in avvio di ripresa, quando il cross di Carotenuto ha trovato Perri tutto solo sul secondo palo: tiro sballato e Avellino graziato. Al quarto d’ora Ignoffo cambia gli esterni a centrocampo e alla prima occasione i biancoverdi trovano il nuovo vantaggio. Al 18’, cross di Micovschi dalla sinistra e piatto destro vincente di Celjak. La Paganese, però, non ha mollato il colpo e cinque minuti più tardi, sugli sviluppi di un corner battuto da Capece, ha pareggiato con un colpo di testa di Mattia.

Il 2-2 ha calmato la Paganese, contenuta dall’Avellino, pericoloso con un gran destro di Albadoro, che ha trovato la pronta risposta di Baiocco, suo compagno di squadra nel Fondi. Nel finale di gara due chance per Alfageme, che ha girato debolmente tra le braccia di Baiocco e poi calciato sul fondo dal limite dell’area.