ESCLUSIVA - Campilongo: "Ad Avellino tornerei di corsa. Il blasone impone la vittoria del campionato"

03.12.2018 13:40 di Ugo De Mattia  articolo letto 2992 volte
© foto di Dario Fico/TuttoSalernitana.com
ESCLUSIVA - Campilongo: "Ad Avellino tornerei di corsa. Il blasone impone la vittoria del campionato"

La pesante sconfitta con il Trastevere ha lasciato il segno in casa Avellino. Nelle ultime ore si susseguono con insistenza le voci che vedrebbero Archimede Graziani vicino all'esonero. Rumors che potrebbero portare al ritorno sulla panchina biancoverde di Salvatore Campilongo. L'ex calciatore ed allenatore dell'Avellino ha parlato in esclusiva ai microfoni di TuttoAvellino.it, dichiarando: "Per adesso non ho avuto nessuna chiamata. Magari arrivasse accetterei volentieri, certamente. La maglia dell'Avellino per me è come una seconda pelle. Ho avuto un passato importante da calciatore e da allenatore, quindi eventualmente non esiterei un attimo. Abbiamo sofferto in passato per la nota retrocessione del 2009. Aspetto con ansia e vediamo se riesco a tornare in pista, cercando di dare una svolta a questo campionato".

Sulle voci che si susseguono con insistenza in queste ore?

"In tanti mi chedevano nei giorni scorsi, ma di concreto ancora non c'è stato nulla. Al momento Graziani è l'allenatore dell'Avellino, quindi non mi sembrava nemmeno giusto da parte della società interpellare qualsiasi allenatore. Prima della sconfitta con il Trastevere erano comunque arrivate due vittorie, con due prestazioni importanti. Personalmente comunque l'ho seguita l'Avellino nelle ultime quattro partite, quindi mi sono già reso conto di dove potrebbe arrivare questa squadra. C'è una rosa dalle grandi potenzialità, che al momento sono ancora rimaste un po' inespresse".

L'obiettivo promozione diretta resta alla portate dei biancoverdi?

"Bisogna sicuramente lavorare giorno dopo giorno, pensando domenica dopo domenica. Il blasone dell'Avellino impone di pensare in grande, quindi bisogna scendere in campo per vincere sempre".