Il 12 febbraio 1984 al Partenio arriva il Napoli di Rino Marchesi. Un Napoli in difficoltà, in caduta libera, che non riesce ad imporsi in un campionato, quello precedente all'avvento di Maradona, che vide i partenopei salvarsi per un pelo. Un Napoli che si presenta al Partenio con delle insolite maglie rosse, contestato dai tifosi, anche per avere regalato un campione come Diaz all’Avellino, in prestito gratuito.
E proprio "Il cabezon" di La Roja, si prende la sua rivincita in quel derby importante. Al 6' si procura un calcio di punizione e lo stesso Diaz batte e segna, con una parabola straordinaria che batte il "giaguaro" Castellini. 
Una partita che vide inoltre tanti intrecci, del passato e del futuro tra le due squadre. Nelle file irpine c’era Fernando De Napoli, che sarebbe passato a breve in azzurro e appunto il citato protagonista Diaz, dal passato polemico sotto il Vesuvio. Per non parlare di Ottavio Bianchi, tecnico biancoverde che aveva sostituito Venrranda, che due anni dopo avrebbe vinto il primo storico scudetto a Napoli e Rino Marchesi, sulla panchina azzurra, che aveva già guidato l’Avellino nella prikma storica salvezza in Serie A, così come Dirceu, che avrebbe vestito il biancoverde qualche stagione successiva. 
I lupi riuscirono ad ottenere una serie di risultati positivi che consentì loro di salvarsi a quota 26 punti, davanti a squadre come Napoli e Lazio, che si salvarono all’ultima giornata. 

TABELLINO

Avellino 1-0 Napoli Stadio Partenio, 12 febbraio 1984

Marcatori: 6′ Ramon Angel Diaz

Avellino: Paradisi, Vullo (50′ Biagini), Schiavi, Osti, Limido, Favero, Tagliaferri, De Napoli. Colomba, Diaz (81′ Bertoneri), Barbadillo. All. Ottavio Bianchi.

Napoli: Castellini, Masio, Ferrario, Bruscolotti, Boldini (46′ Pellegrini), Frappampina, Dal Fiume (67′ Casale), Celestini, Caffarelli, Dirceu, De Rosa. All. Rino Marchesi.

AL LINK IL VIDEO DELLA PARTITA 

Sezione: Mi ritorni in mente / Data: Ven 12 febbraio 2021 alle 11:15
Autore: Marco Costanza
Vedi letture
Print