Cerri (ds Monopoli): "Domenica partita difficile, l'Avellino può ambire minimo ai playoff"

12.12.2019 15:10 di Domenico Fabbricini Twitter:    Vedi letture
Cerri (ds Monopoli): "Domenica partita difficile, l'Avellino può ambire minimo ai playoff"

Massimo Cerri, direttore sportivo del Monopoli, a Radio Punto Nuovo ha parlato dell'importante sfida che domenica attende la sua squadra contro l'Avellino: "Nel calcio si cerca di fare sempre le cose al massimo, di prendere i giocatori migliori, trovare gli under, fortunatamente un po' per merito un po' perché si è creato l'ambiente giusto siamo secondi in classifica. Siamo contenti, complimenti anche al mister che fa giocare bene la squadra. Giocare con l'Avellino è sempre un piacere, contro formazioni blasonate tutti vorrebbero giocare, la stiamo preparando col massimo impegno, ci metteranno in difficoltà ma sappiamo di avere delle qualità e le metteremo in campo. Mi aspetto una squadra piu' motivata perché chi è in rosa ora sicuramente vorrà dimostrare alla nuova proprietà che merita di stare ad Avellino e per noi sarà un ulteriore problema.

Stiamo cercando di stimolare la piazza e la tifoseria, vorremmo avere il pubblico delle grandi occasioni come è stato con la Reggina per sostenere la squadra e difendere questo secondo posto cui teniamo tanto. Alla lunga la classifica rispecchia sempre i valori in campo ma secondo me ci sono alcune squadre che hanno un organico che per budget investito meriterebbero qualche punto in piu', come Catania, Catanzaro, Teramo, ma anche l'Avellino con la nuova proprietà è destinata ad arrivare in zona playoff o lottare anche per qualcosa in piu'. Mister Capuano è conosciuto, ha fatto bene anche a San Benedetto, ne ha vinte tre di fila, è un grosso motivatore, riesce a stimolare i suoi per ottenere il massimo in campo. Domenica anche per questo sarà difficile per noi.

Non conosco personalmente Di Somma ma di fama, è una persona di esperienza, molto attento alle situazioni. La scelta di continuare o no con lui spetta alla società. Come professionista potrebbe anche restare fino a fine stagione, ma questa è solo la mia opinione personale. In questo momento riceviamo diverse richieste per i nostri calciatori, io vorrei cambiare il meno possibile perché si è creato l'ambiente giusto, ma i programmi cambiano di settimana in settimana nel calcio e dobbiamo essere pronti a tutto. Poi si apre il mercato che durerà un mese, anche troppo. La classifica ci permette di non avere fretta".