VIDEO - Mi ritorni in mente, 3 aprile: l'Avellino in maglia nera per punizione, Castaldo gela il Frosinone

03.04.2020 10:00 di redazione TuttoAvellino Twitter:    Vedi letture
VIDEO - Mi ritorni in mente, 3 aprile: l'Avellino in maglia nera per punizione, Castaldo gela il Frosinone

Si rinnova l'appuntamento con la rubrica "Mi ritorni in mente", con la quale ripercorriamo, giorno per giorno, gli ultimi 40 anni di storia dell'U.S. Avellino.

I biancoverdi hanno giocato solo tre volte il 3 aprile.

La prima nel 1999, quando al Partenio si fermò sul pari contro la Lodigiani, storica formazione capitolina poi trasformatasi con gli anni in Cisco Roma e Atletico Roma. I romani stopparono l'Avellino sullo 0-0.

Difficile da dimenticare il precedente del 2011. Sempre al Partenio, l'Avellino si presentò davanti ai suoi tifosi in maglia nera. Una punizione autoinflitta e richiesta pure da una frangia della tifoseria in seguito alla figuraccia di Catanzaro. La formazione irpina fu sconfitta 1-0 dai calabresi imbottiti di ragazzini della Berretti e con una società allo sbando, salvata solo dalla retrocessione per illecito comminata al Pomezia nel corso della stagione. L'Avellino affrontò il Matera battendolo con un pesante 6-0, ma questo non servì a placare la rabbia dei propri sostenitori, che contestarono e fischiarono i calciatori per tutto l'incontro, anche dopo le sei reti, come è possibile vedere nel video alla fine dell'articolo. La pace fu ritrovata qualche settimana dopo, ma l'episodio resterà scolpito nella memoria di tutti i tifosi dell'Avellino.

Il terzo e ultimo precedente è del 2017. E' la squadra di Walter Novellino, impegnata a raggiungere una sofferta salvezza, che si materializzerà all'ultima giornata con il successo contro il Latina. Il 3 aprile, l'Avellino strappò un pareggio d'oro sul campo del Frosinone, recuperando lo svantaggio con il solito guizzo di Gigi Castaldo (vedi il video nel video alla fine dell'articolo).

Nei video in basso il 6-0 dell'Avellino (in maglia nera) contro il Matera e l'1-1 a Frosinone.

Clicca qui se segui da app

Clicca qui se segui da app