mi ritorni in mente

VIDEO – MI ritorni in mente, 15 aprile: nel segno del numero 6, da Di Somma a Catello Mari

VIDEO – MI ritorni in mente, 15 aprile: nel segno del numero 6, da Di Somma a Catello Mari

Prosegue il nostro viaggio nei ricordi, con la rubrica "Mi ritorni in mente", con la quale ripercorriamo gli ultimi 40 anni di storia dell'U.S. Avellino, giorno per giorno. L'Avellino ha giocato due volte il 15 aprile,...

redazione TuttoAvellino

Prosegue il nostro viaggio nei ricordi, con la rubrica "Mi ritorni in mente", con la quale ripercorriamo gli ultimi 40 anni di storia dell'U.S. Avellino, giorno per giorno.

L'Avellino ha giocato due volte il 15 aprile, incassando due brutte sconfitte con sei reti al passivo e una all'attivo.

Il primo precedente risale al 1984. Al Meazza, i biancoverdi persero 3-0 in casa dell'Inter colpendo un palo e due traverse. I nerazzurri passarono in vantaggio con Muller e poco dopo Diaz colpì il palo su calcio di punizione. Nella ripresa il raddoppio di Altobelli e la doppia traversa colpita, nella stessa azione, prima dal capitano Salvatore Di Somma col "6" sulle spalle e poi da Schiavi. Nel finale, l'Inter incrementò vantaggio e passivo realizzando il definitivo 3-0. (Vedi il video alla fine dell'articolo).

L'altro precedente risale al campionato di Lega Pro, 2006-2007, terminato con il trionfo irpino nei playoff contro il Foggia. Non andò bene, invece, la gara del 15 aprile disputata a Cava de' Tirreni, contro la temibile Cavese di Salvatore Campilongo, prima calciatore e poi allenatore dell'Avellino nel 2008-2009. Al Simonetta Lamberti non ci fu storia. Segnò Cipriani, che indossava la maglia numero sei del compianto Catello Mari, scomparso il 16 aprile di un anno prima a causa di un incidente stradale. Poi D'Andrea fece autorete ed Ercolano, altro futuro ex biancoverde, segnò il 3-0. Di Biancolino, a risultato ormai compromesso, il gol della bandiera avellinese (Vedi il video alla fine dell'articolo).

Nei video le sconfitte contro l'Inter nel 1984 e la Cavese nel 2007.