La sconfitta a Teramo è un grido disperato che va ascoltato: urgono rinforzi!

19.01.2020 21:44 di redazione TuttoAvellino Twitter:    Vedi letture
La sconfitta a Teramo è un grido disperato che va ascoltato: urgono rinforzi!

La striscia positiva si è interrotta beffardamente a Teramo, confermando quanto bisogno abbia l'Avellino di rinforzarsi sul mercato. La sconfitta è un grido d'allarme che la proprietà deve fare suo e tramutarlo in acquisti di spessore, da ufficializzare nelle prossime 24-48 ore.

Perché ci si mette pure il calendario a peggiorare la situazione, propinando all'Avellino la trasferta di Catania, in un infrasettimanale che, se non ci fosse stato, sarebbe stato meglio. Morero e compagni hanno tenuto botta contro un avversario costruito per ambire alle prime posizioni di classifica ma che, fino al 90', aveva a malapena un punto di vantaggio

La squadra di Tedino ha giocato meglio, ha sbagliato tanto, e ha vinto quando ormai non ci sperava più, sfruttando l'unica disattenzione difensiva dei biancoverdi, altrimenti perfetti in ogni zona del campo, per sacrificio, corsa e dedizione alla maglia.

Capuano ha potuto verificare quanto i suoi calciatori ci tengano a fare bene, seppure rimaneggiati: chi ha finito con i crampi, chi ha giocato in condizioni atletiche rivedibili, chi era all'esordio dal primo minuto come Evangelista, mandato in campo come premio per l'impegno profuso durante gli allenamenti, ma anche per tirare le orecchie a chi non sta sfruttando l'occasione di mettersi in mostra in una piazza importante come Avellino (vedi Karic...)

Capuano ha fatto le sue scelte. Ha tenuto fuori chi non può dargli quanto richiesto. E' arrivato Bertolo, che aveva espressamente richiesto alla dirigenza, e presto potrà avere a disposizione il portiere Dini, che ha già giudicato come il migliore della categoria. Poi ci sarà bisogno al più presto di un attaccante, perché al di là dell'abnegazione messa in campo da Alfageme a Teramo, manca ancora qualcuno che la butta dentro, per vincere le partite. A centrocampo c'è bisogno di un paio di elementi, soprattutto se Rossetti andrà via. 

Insomma, interventi mirati per aggiungere qualcuno che possa migliorare la rosa, scarna, ma sul pezzo. A dieci giorni dalla chiusura del mercato tocca alla nuova proprietà battere qualche colpo. La squadra, pur perdendo a Teramo, ne ha già battuti parecchi