Il Sindaco di Avellino, Gianluca Festa ha parlato ai microfoni di AvLive, concentrandosi sul futuro della Scandone, sulla situazione stadio per l'Avellino calcio e sul nuovo progetto della famiglia D'Agostino.

"Il silenzio è stata un po' una scelta per lavorare con l'obiettivo di salvare la Scandone, abbiamo messo al sicuro la Serie B e si persegue nel tentativo di liberare la Scandone dai debiti per programmare una rinascita e puntare in breve tempo al ritorno in A2, ma prima vanno messe le cose a posto dal punto di vista del bilancio. Lavoriamo in silenzio, la Scandone gode di una considerazione importante da parte della Fip, c'è attenzione per questo club storico, tutti ci aspettano a braccia aperte. Stiamo provando a dare una prospettiva concreta. E' stato nominato Basile come commissario, non ci saranno altre novità, continuiamo lungo questa strada.

"Ho intenzione di rifare lo stadio, di rimetterlo a nuovo, il Partenio-Lombardi in queste condizioni è una ferita. La società, la città meritano un impianto di livello e sono fiducioso. Anche qui lavoriamo in silenzio e in maniera spedita. Abbiamo messo a posto la licenza d'uso dell'impianto, incontreremo la società per l'installazione dei sediolini, ma non credo ci saranno problemi. Abbiamo dato la nostra disponibilità per l'iscrizione di Casertana e Turris, ma il Partenio-Lombardi è solo dell'Avellino. Il grido di allarme l'ho accolto, perché non ci piace vincere a tavolino. Abbiamo mostrato quanto è grande il cuore di Avellino. Si è partito con il piede giusto, il settore giovanile è importante. Partire da un mister che non ha bisogno di presentazione, sono questi due segnali figli della concretezza della famiglia D'Agostino, che è una garanzia"

E sulla Sandro Abate: "E' quasi pronta la convenzione che sottoscriveremo con la Sandro Abate, l'intesa c'è, è giusto che il club giochi ad Avellino". 

Sezione: Copertina / Data: Ven 31 luglio 2020 alle 11:05
Autore: redazione TuttoAvellino / Twitter: @tuttoavellinoit
Vedi letture
Print